Oxanet.it - Aste Giudiziarie On Line - Vendite Giudiziarie di beni mobili e immobili

Procedura R.G.E. n° 197/2021

Note: VENDITA TELEMATICA ASINCRONA
Icona
Località:
RUFFANO (LE)
Tipologia:
IMMOBILE COMMERCIALE LABORATORIO ARTIGIANO
Lotto 4 : Piena proprietà dell’immobile di piano terra sito in Ruffano (Le) in Contrada Novala snc, costituito da locale artigianale e locale wc. L’unità immobiliare, di circa mq 197, è confinata all’interno di un’area delimitata con una recinzione in muratura appartenente ad altra proprietà non oggetto di espropriazione. Per accedere all’immobile staggito è necessario percorrere uno stradone sterrato di accesso che attraversa prima la particella 802 e poi la particella 804 del medesimo foglio 38 del N.C.T. del Comune di Ruffano. L’immobile si presenta con i vani interni disposti in maniera difforme sia rispetto all’ultimo titolo edilizio assentito dall’U.T.C. del Comune di Ruffano, sia rispetto alla planimetria catastale depositata presso l’Agenzia del Territorio della Provincia di Lecce. In particolare il locale si presenta diviso in due ambienti: sul locale retrostante è stata fatta una ulteriore ripartizione degli spazi interni; è stata realizzata una tettoia in coibentato di circa 70 mq di consistenza e caratterizzata da un’altezza minima pari a 4,60 m e un’altezza massima pari a 5,20 m; un vano tecnico di circa 4,20x2,70 caratterizzato da una copertura precaria in eternit; di pertinenza del locale artigianale vi è un piazzale in massetto industriale di circa 800 mq. Il bene risulta catastalmente identificato nel Catasto Terreni del Comune di Ruffano al foglio 38 particella 608, categoria C/3 di mq 197. CONFORMITÀ URBANISTICO – EDILIZIA L’unità immobiliare è stata assentita secondo la DIA n. 55/99 del 06/12/1999 prot. n. 12007 del 07/12/1999 per l’esecuzione di opere interne (adeguamento e realizzazione di servizi igienici) del Comune di Ruffano. Successivamente è stata depositata una Comunicazione ai sensi del L.R. n.26 del 13/08/1998 e successiva proroga dei termini della stessa fino al 31/12/1999, con la quale si chiede la variazione della destinazione d’uso da locale deposito a laboratorio artigianale senza la realizzazione di opere. Rispetto ai suddetti titoli abilitativi, come sopra evidenziato, l’immobile è stato oggetto di diversi interventi edilizi in assenza di regolare autorizzazione edilizia, come sopra evidenziato. Dal momento che non è possibile procedere alla regolarizzazione urbanistico-edilizia e catastale di tutte le opere edili abusivamente realizzate, è necessario considerare le spese di demolizione e smaltimento per la riduzione in pristino dei manufatti abusivi che ammontano a circa € 9.748,75. CONFORMITÀ CATASTALE L’immobile è correttamente censito nel N.C.E.U. se si prende in considerazione la DIA n.55/99 del 06/12/1999 prot. n. 12007 del 07/12/1999. Tuttavia, considerando lo stato di fatto, la planimetria risulta difforme e necessita di aggiornamento previa regolarizzazione della pratica edilizia le cui spese tecniche ammontano a circa € 3.000,00. PRATICHE EDILIZIE - DIA n. 55/99 del 06/12/1999 prot. n. 12007 del 07/12/1999 per l’esecuzione di opere interne (adeguamento e realizzazione di servizi igienici); - Comunicazione ai sensi del L.R. n.26 del 13/08/1998 e successiva proroga dei termini della stessa fino al 31/12/1999, con la quale si viene variata la destinazione d’uso da locale deposito a laboratorio artigianale senza la realizzazione di opere.

Dettagli

Data: 25/03/2024 ore: 10.30
Tipo assegnazione:: Vendita senza incanto
Prezzo base: € 28.945,44
Offerta Minima: € 21.709,08
Cauzione: 10% del prezzo offerto
Rilancio minimo: € 1.000,00
Spese:
Tribunale: Lecce - Via Brenta
Giudice: Dott. Anna Rita Pasca
Pubblicato il: : 10/01/2024

Professionista delegato: Avv. Giuseppe Colella

Email: g.colella@studiocentonzecolellastomeo.it
Contatti Telefonici:: 0832 279920; 347 6618885

Le informazioni su esposte sono ricavate dai documenti originali inviati dai referenti della procedura. S'invitano i gentili utenti a leggere la documentazione integrale. La maggior parte dei documenti originali risulta non rispondente al requisito n. 17 dell'Allegato A del D.M. 8/7/2005 e Oxanet.it non è autorizzata ad intervenire sul relativo contenuto. Ci si auspica che gradualmente anche i documenti originali siano predisposti in un formato compatibile con i requisiti di accessibilità di cui alla L. 4/04 (cd. legge Stanca)