Dettaglio annuncio

Procedura Det. Dir. n° 569/2017

Note: Offerte da far pervenire entro le ore 12,00 del 22/08/2017 al Comune di Gallipoli - Ufficio Patrimonio - Via Pavia

DETTAGLI ASTA

Data: 24/08/2017 ore: 10.00
Località: GALLIPOLI (LE)
Tipologia: Complesso immobiliare
Base asta: € 2.700.000,00
Rilancio minimo:
Cauzione: € 270.000,00
Immobile denominato “ex Casa del fanciullo” sito in Gallipoli al lungomare G. Galilei, n.1, distinto nel catasto urbano al fg.15, p.lla 75. 1. DESCRIZIONE DELL’IMMOBILE L'immobile in questione e’ localizzato nella zona urbana della città sul lungomare G. Galilei, ovvero nella parte nuova e centrale, con un fronte sul mare di circa mt. 80 panoramico ad elevato contenuto paesaggistico, dal quale si può ammirare contemporaneamente il Centro Storico e il Parco di Punta Pizzo e, quindi, in posizione baricentrica rispetto all’offerta della città turistica, commerciale e residenziale. Allo stato nell’immobile sono localizzate 2 funzioni: Sede dell’Ufficio del Lavoro;? Alloggi per senza tetto. La porzione di immobile già utilizzato ad uso scuola pubblica è libero. L’attestato di certificazione energetica in atti definisce l’immobile di classe energetica G. 1.1 DESTINAZIONE URBANISTICA Con delibera n.52 del 6/9/2013 e n. 53 del 21/8/2014 del C.C. (ALL.1 e 2) è stata attribuita la seguente destinazione urbanistica ai sensi dell’art.58, I comma della legge n. 133 del 6/8/2008: “ZONA B Negli edifici esistenti sono consentiti interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione e di ristrutturazione edilizia con l’aumento della superficie utile nella misura necessaria per il miglioramento delle condizioni igienico-funzionali dell’edificio. Per le nuove costruzioni e l’ampliamento di edifici esistenti si applicano i seguenti indici e prescrizioni: - indice di fabbricabilità fondiaria: IF=2.50mc/mq - rapporto di copertura: RC=0,35 mq/mq - altezza massima: H max=11,00m. - distanza minima dai confini: D=H max del fronte dell’edificio e comunque non inferiore a 6,00 ml - parcheggi: mq.1,00 ogni 8mq di SU. Le aree libere dovranno essere sistemate a verde ed attrezzate per il gioco e l’attività all’aperto. Destinazioni d’uso consentite: - asilo nido; - scuola materna; - scuola elementare; - scuola media; - residenziale; - commerciale; - turistico ricettiva.” Per ulteriori chiarimento consultare gli allegati alla delibera del C.C. n.52/2013. 2. STUDIO DI FATTIBILITA’ PROPOSTO DA CDP INVESTIMENTI SGR Nelle fasi operative del richiamato Protocollo d’intesa, ai fini del successivo espletamento della procedura di dismissione ad evidenza pubblica, CDPI ha proceduto in maniera autonoma ad incaricare una società di ingegneria per la redazione di uno “studio di fattibilità” (ALL.3), finalizzati ad una migliore definizione della peculiarità e delle potenzialità dell’immobile, in un’ottica di ottimizzazione del relativo processo di valorizzazione. Si precisa che lo studio suddetto costituisce un’ipotesi di natura progettuale e non rappresenta un vincolo né per l’acquirente, né per il Comune di Gallipoli, che non è in alcun modo responsabile delle indicazioni e delle proposte in esso contenute. N.B. Resta a carica dell’acquirente il rimborso delle spese per i costi esterni sostenute da CDPI per la redazione dello Studio di fattibilità, pari ad € 24.050,00 (euro ventiquattromila e cinquanta).

Responsabile

Avv. Paola Vitali
Contatti Telefonici: 0833 275550;

Altre info

Pubblicato il: 11/07/2017
Tipo assegnazione: Asta

Per visualizzare la documentazione, li dove il documento non sia sotto forma di immagine è necessario aver installato il plug-in Acrobat Reader. In questo caso il documento verrà visualizzato in formato pdf. Si sottolinea che il plug-in è gratuito e lo si puo' installare cliccando sul logo a sinistra

Le informazioni su esposte sono ricavate dai documenti originali inviati dai referenti della procedura. S'invitano i gentili utenti a leggere la documentazione integrale. La maggior parte dei documenti originali risulta non rispondente al requisito n. 17 dell'Allegato A del D.M. 8/7/2005 e Oxanet.it non è autorizzata ad intervenire sul relativo contenuto. Ci si auspica che gradualmente anche i documenti originali siano predisposti in un formato compatibile con i requisiti di accessibilità di cui alla L. 4/04 (cd. legge Stanca)